Francesco Chiantese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sulla soglia

Viaggio intimo in un immaginario

 

Uno spettacolo di teatro canzone

di

Francesco Chiantese

 

con

Francesco Chiantese voce, chitarre, armoniche

(con possibili ospiti al contrabbasso, chapmanstick, viola, chitarre...)

 

“[Francesco Chiantese] non segue certo logiche commerciali, né mode del momento,

ma cerca di affermare un convincimento proprio sul modo attraverso cui portare

avanti un discorso teatrale oggi [...]”

Simona Sagone, Radio Città Fujico

 

 

 

Dopo “Per un dio possibile” su Giordano Bruno con il cantautore Massimiliano Larocca ed il successo di Moby Dick Blues, Francesco Chiantese torna a lavorare al

suo progetto di “teatro di prossimità” con un nuovo spettacolo di teatro canzone.

 

Questa volta sceglie una dimensione intima per raccontarsi e dialogare con il pubblico, in una logica conviviale e sottovoce; delicatamente spezza la parola ed il suono come si spezzerebbe un pezzo di pane appena sfornato e ne porge degli assaggi agli spettatori quasi chiedendo loro di ricambiare.

Le canzoni si alternano a racconti, frammenti di spettacoli, poesie e dialoghi con il pubblico.

E’ possibile concordare con l’autore il “tema” attorno cui ruoterà lo spettacolo (ovviamente con almeno un mese di preavviso, salvo utilizzare temi già disponibili).

Attualmente sono pronti spettacoli con tema “Moby Dick”, “Il mare”, “Gli orizzonti”, “L’equilibrio”, “il viaggio”.

Il pubblico ride, si commuove, canta assieme a Francesco, partecipa a questo piccolo rito collettivo; il tutto alla ricerca di una dimensione che sia popolare senza rinunciare alla poesia.

Lo spettacolo è spesso accompagnato da ospiti come Maurizio Costantini (al contrabbasso) storico collaboratore di Francesco nei progetti Requiem Popolare ed Andrej; Andrea “Atreio” Marcucci al Chapman Stick (uno dei virtuosi di questo raro strumento); ma anche Matteo Pecorini (attore dei Chille de la balanza); Elisa Bartoli (danzatrice ed attrice) in base alle circostanze ed alle possibilità.

 

Durata dello spettacolo 1h circa

 

Novità

Newsletter

Iscriviti alla mia newsletter per restare informato su spettacoli, seminari, stagioni, eventi curati da me.
Please wait
© 2018 Il copyright in teatro è mera e volgare mancanza di rispetto nei confronti della tradizione.